FaceBookYoutubeVimeoTwitter

lingua

I VINCITORI DI ASFF 2015


PUNTI DI VISTA - PREMIO MIGLIOR CORTO ITALIANO
BELLISSIMA di Alessandro Capitani
per la semplicità, la freschezza e il modo diretto con il quale affronta temi importanti come la differenza tra essere e apparire, bellezza interiore ed esteriore, stereotipi di genere e aspettative personali narrati con grande attenzione alla messa in scena e alla scelta degli interpreti. E perché una favola può essere raccontata anche attraverso una storia reale.

PUNTI DI VISTA - MENZIONE SPECIALE
LA SEDIA DI CARTONE di Marco Zuin
toccante e colorato documentario di narrazione che partendo dal reale riesce a costruire una storia esemplare di cura e inclusione.

PREMIO CONFRONTI - IL CINEMA COME RAPPRESENTAZIONE DEL SOCIALE
NAMNALA di Nacho Solana
Per la sua capacità di indagare nel sentimento umano. Forte è il richiamo al ruolo della memoria, senza dimenticarsi il progresso che oggi impone la sua velocità e ci indica la nostra inutilità. Emerge l’idea della società di oggi, dell'usa e getta, un materialismo che ha preso il sopravvento sul custodire e prendersi cura. L’attaccamento ai vecchi elettrodomestici di quei clienti, che ancora entrano nella vecchia bottega dell’“artigiano” sfiduciato, traccia un solco per una via d’uscita. Un allarme velato ci ricorda la nostra precarietà e quella della nostra memoria ormai “digitale” che stiamo archiviando e rischiamo di perdere. Nel gioco delle parti e dei soggetti emerge che solamente l’uomo, se vuole, può salvare sé stesso e la propria memoria per ritrovare fiducia oltre i pregiudizi e le paure narrate nelle nenie infantili. E poi c’è l’attuale dimensione del viaggio, la fuga per la salvezza, con la propria vita custodita in un “vecchio cofanetto” (la telecamera) grazie al quale, con l'aiuto di un altro uomo, con-dividere il perduto amore. Garbatamente, senza abusare di strategie d’effetto e con tanta umiltà il corto indaga nel dolore umano e nella fatica del vivere. Tutto, nell'armonia delle poche note sapientemente utilizzate, indica la strada per quell’umanità che pensavamo perduta. L’empatia è la via maestra.

POINTS OF VIEW - PREMIO BEST INTERNATIONAL SHORT
YOUNAISY di Juan Pablo Daranas Molina

POINTS OF VIEW - MENZIONE SPECIALE
SINGLE ROOM di Saman Namnik

RAGIONEVOLMENTE DIFFERENTI:
PREMIO SPECIALE DEL CINECLUB DEI RAGAZZI ASPERGER
CIRCLES di Jesse Cramer e Micah Levin
KNIGHTMARES di Nicholas Michael Holmes
THE ROUTINE di Dimitris Andjus